24 marzo 2022

Caro materie prime e carburanti: la regione convochi le imprese



Una vera e propria tempesta perfetta inflazionistica si sta abbattendo sulle imprese sarde, in particolare sul comparto delle costruzioni e dei trasporti. La ripresa di questi settori fondamentali per l’economia della Sardegna rischia di essere messa fortemente in discussione da un aumento vertiginoso dei prezzi delle materie prime a cui si è affiancato l’aumento del costo dei carburanti accelerato dall’escalation militare in Ucraina. Tra il 7 e il 14 marzo, la crescita dei carburanti (escludendo le tasse, in particolare le accise applicate sulla produzione e non sul prezzo) è stata del +22% per la benzina e del +30% per il gasolio, che diventano del +55% e del +68% se si guarda ai prezzi praticai ai primi di gennaio 2022. I rincari della bolletta elettrica erano ritenuti già alla fine del 2021 uno degli elementi di maggiore criticità per le imprese sarde, ma oggi la situazione sta diventando ingestibile, al punto da mettere in discussione la tenuta stessa dell’operatività di molte imprese, soprattutto in edilizia e nel settore dei trasporti, con il serio rischio che molti lavori e progetti già avviati vengano interrotti per insostenibilità dei costi, con conseguenze devastanti per imprese, investitori e economia regionale.

“In Sardegna il settore delle Costruzioni e quello dell’Autotrasporto stanno attraversando una fase molto complessa e difficile – commentano Luigi Tomasi e Francesco Porcu, rispettivamente presidente e segretario regionale della Cna Sardegna –. Siamo di fronte ad una vera e propria tempesta perfetta.

L’aumento repentino della domanda legata ai lavori di riqualificazione incentivata (superbonus, bonus facciate, ecobonus, bonus ristrutturazioni, etc.), sospinto dallo strumento della cessione del credito di imposta, la difficoltà di reperimento di alcuni prodotti o materie prime (isolanti in primo luogo), l’aumento del costo dei carburanti, accelerato dall’escalation militare in Ucraina, e la ridotta capacità produttiva delle imprese edili regionali (mano d’opera, specialmente specializzata, e parco macchine insufficiente) e di quelle dell’autotrasporto messe in ginocchio dal caro carburanti rischia di mettere in discussione la ripresa di settori strategici per l’economia regionale.

In molti casi – aggiungono Tomasi e Porcu - l’aumento dei prezzi di listino ha innescato un’anticipazione degli ordinativi, comportando un’ulteriore pressione al rialzo dei prezzi, mentre problemi dal lato della catena logistica stanno portando a forti difficoltà in termini di reperibilità, programmazione della produzione, aumento dei costi e ritardi nell’esecuzione dei lavori”. Al presidente della Regione chiediamo la convocazione urgente di un tavolo con le Associazioni di impresa per studiare interventi di sostegno; Sono a rischio la realizzazione delle opere infrastrutturali, centinaia di cantieri; urgente intervenire ove necessario sulla rinegoziazione delle pattuizioni contrattuali, servono provvedimenti che rendano i prezzi d’appalto in linea con i valori di mercato, garanzie alle imprese dell’autotrasporto sulla continuità territoriale delle merci e ristori sul costo carburante.

Grido d’allarme rilanciato dai presidenti regionali di Costruzioni e Trasporti.
Antonello Mascia – Costruzioni – “Servono risposte rapide ed immediate -provvedimenti che consentano in tempo reale in aumento e in diminuzione di gestire i prezzi d’appalto in linea con i valori di mercato, senza i cantieri si fermano. In Sardegna poi è urgente rimettere mano al quadro normativo: prezziario regionale, piano casa e legge urbanistica”


CS - Caro materie prime e carburanti - la regione convochi le imprese.pdf RS - Caro materie prime e carburanti - la regione convochi le imprese.pdf
  • Convenzioni CNA