08 novembre 2017

Il digitale cresce nel Paese ma non decolla in Sardegna



Cresce la voglia di digitale in Italia, ma la Sardegna sembra andare in controtendenza. Nei primi nove mesi del 2017 sono state registrate dalle Camere di Commercio della Penisola circa 3mila nuove imprese digitali con una grande componente giovanile: tra le nuove aziende iscritte oltre una su tre è gestita da imprenditori under 35. Complessivamente le imprese che in Italia operano nei settori digitali (dal commercio via Internet agli Internet service provider, dai produttori di software a chi elabora dati o gestisce portali web) sono oltre 122mila, ma continuano ad avere una percentuale minoritaria nel nostro Paese rappresentando solo il 2,3% dell’aumento complessivo delle imprese italiane. Eppure, pur essendo la Sardegna una terra di pionieri del web, nella nostra regione le cosiddette digital companies faticano ancora di più ad affermarsi. Tra gennaio e settembre sono state registrate dalle Camere di Commercio isolane soltanto 117 nuove imprese che operano nel settore, di cui 30 under 35.

“Anche in Sardegna, come nel resto del Paese abbiamo un numero di imprese digitali esiguo, ma è una realtà con un forte potenziale di sviluppo”, spiegano Pierpaolo Piras e Francesco Porcu, rispettivamente presidente e segretario regionale della Cna Sardegna. “Le aziende hanno un gran bisogno di digitalizzazione e per questo occorre innalzare la cultura e le competenze digitali delle nostre imprese”.


CS - Digitale_Movimprese 02_11_17.pdf RS - Digitale_Movimprese 02_11_17.pdf