03 agosto 2017

Burocrazia: costa 600 milioni alle imprese sarde



“La burocrazia ha costi enormi per le piccole imprese sarde che per portare a termine tutti gli adempimenti richiesti dalla pubblica amministrazione sono costrette a perdere intere giornate lavorative”. E’ il commento di Pierpaolo Piras e Francesco Porcu, rispettivamente presidente e segretario regionale della CNA Sardegna, ad una recentissima ricerca del Centro Studi nazionale dell’associazione artigiana (alla quale ha contribuito anche la CNA regionale) che quantifica complessivamente in 22 miliardi di euro all’anno i costi della burocrazia per le piccole imprese italiane e 600 milioni per le imprese isolane. In base alla ricerca nazionale il 41,3% delle imprese impegna infatti ben tre giorni lavorativi al mese per gli adempimenti burocratici, mentre nel 32,2% dei casi vengono impiegate addirittura cinque giornate lavorative al mese. Nonostante ciò – indica il sondaggio - aumentano gli imprenditori che svolgono gli adempimenti burocratici via internet e dunque aumenta anche l’esigenza di una maggiore semplificazione e informatizzazione delle procedure burocratiche.


CS - Piccole imprese e burocrazia 03_08_17.pdf RS - Piccole imprese e burocrazia 03_08_17.pdf